Agile@School – Anno Terzo – Stato Avanzamento lavori e Retrospettiva

Ciao a tutti,

Siamo quasi giunti alla fine di questa edizione di Agile@School presso l’I.I.S.S. Gadda di Fornovo, Parma. Nella puntata precedente abbiamo visto i diversi team presentare i loro progetti, venendo a conoscenza degli strumenti utili alla collaborazione e alla gestione efficiente delle attività tra cui Slack, Trello ed il concetto di retrospettiva mediante l’utilizzo di una starfish. A tal proposito è stato chiesto di presentarne una fatta da loro contenente tutti i punti, suddivisi nelle varie aree, che hanno raccolto nel corso dell’ultima settimana. Siete pronti? Cominciamo!

 

Retrospettive

Nel presentare le retrospettive, i ragazzi hanno mostrato ancora una volta una vasta creatività nella presentazione, andando ben oltre a quanto richiesto dal punto di vista visivo, giocando anche con il termine stesso di starfish per creare un risultato di impatto agli occhi della classe.

rpt

A presentazioni concluse, è emerso un ottimo spirito critico dei ragazzi nei confronti delle attività che hanno svolto questa settimana in cui hanno mostrato di aver utilizzato gli strumenti da loro consigliati in precedenza e, ancora più importante, di aver gestito positivamente le differenze e le diversità all’interno del team andando in generale d’accordo l’uno con l’altro risolvendo problemi di natura tecnica mediante una stretta collaborazione. L’unica nota “negativa” è data dal fatto che tutti i gruppi si sono concentrati troppo sullo storytelling e sull’aspetto grafico rispetto ai contenuti e alla loro suddivisione, portando a non soddisfare a pieno le nostre richieste. In ogni caso però si trattava della loro prima retrospettiva, pertanto ci è sembrato giusto chiudere un occhio su quest’ultimo aspetto apprezzando il loro impegno.

 

Stato avanzamento lavori

Finita la retrospettiva, abbiamo chiesto ai ragazzi come stesse procedendo il loro lavoro e, con nostra sorpresa, è emerso che tutti i gruppi hanno già cominciato a sviluppare il software e a cablare i loro circuiti, arrivando a completare in alcuni casi più della metà delle attività da loro stimate in precedenza. Non è stato necessario fornirgli consulenza tecnica in quanto la scuola si è prestata ad aiutarli e sostenerli in questo percorso sia dal punto di vista elettronico, acquistando il materiale necessario e spiegando il corretto processo di cablaggio, sia dal punto di vista informatico, risolvendo eventuali dubbi di programmazion ed interfacciamento con i dispositivi.

 

Conclusione

Non possiamo che essere contenti quindi del lavoro che hanno svolto, avendo l’ennesima conferma del fatto che agire sull’organizzazione e sulle metodologie che stanno dietro al lavoro pratico porta ad ottenere risultati tangibili e duraturi, anche nei confronti di chi come loro non ha mai avuto modo di sperimentare la cosa.

Come compito per l’ultimo incontro, che avverrà venerdì prossimo, abbiamo chiesto ai ragazzi di portare una presentazione del loro prodotto con tanto di codice e circuiti funzionanti. Nessuna direttiva sugli strumenti da seguire, nessuno schema di esposizione: gli è stato permesso di sbizzarirsi con la creatività, alimentando un pò di sana competizione. Come finirà? Per scoprirlo, rimanete sintonizzati in attesa del prossimo post!

Per oggi quindi è tutto, ci vediamo alla prossima puntata!

Agile@School – settima lezione

Agile@School – settima lezione

Il club delle 6

Settimo appuntamento presso la scuola rodigina IIS Viola/Marchesini per il progetto Agile@School nella giornata di ieri 24 gennaio 2018. Si è giunti alla parte finale dove cerchiamo di mettere insieme tutte le parti finora studiate. Ci siamo dati come obiettivo quello di realizzare una semplice app per l’accesso a Twitter mettendo in gioco le conoscenze apprese.

1.png

View original post 313 more words

Agile@School 2017 – let’s start over

Agile@School 2017 – let’s start over

As a recurring project, Agile@School is started again on February, with a new set of projects and ideas. Gabriele will help me again, but it will be a very difficult task. During the past year we followed a Scrum approach, in order to comply the team structure. As you can read here, there were one team with a small bunch of members. Now, we’re getting “bigger”. As a result, we’ll have micro-teams of two/three member each. Great chance for Kanban. Let’s give it a try.

01

How will we approach in the beginning?

  • defining a set of micro-team, that we call “task forces”
  • designing a Kanban board
  • describing personas
  • speaking of some ceremonies we’d like to get rid of
  • speaking of some ceremonies we’ll keep
  • describing the customer journey and the story map practices

The task forces

The term not fits very well, actually; indeed, a task force is something that could be considered as a “defcon 1” team. However, we would give the teams a label which is “strong”. To be honest, we have a little amount of time, so in the end we can say that we’re in hurry already 🙂

The Kanbard board

As we said above, we will have more task forces, most likely six. Therefore, the board will use columns (as usual) for the status management and rows (aka Swimlanes) for separating teams and projects.

02

The board will be created in Visual Studio Team Services, in order to use also the Source Control Manager which relies on it.

Personas

Each team member will populate a simple card, the Persona card, which is depicted in the picture below:

03

As you can see (in Italian), the first column is for Persona details, the second for interests and the third is the “role” which the member would like to have. I know that the last column is not included in any best practice, but I feel that some student could start to think about its job and its future. Could be interesting.

The customer journey

During the next meeting, we’ll ask the students to show us their customer journey. Each team will have to describe the journey of a typical user, with mood for each action it takes and the value which it gets by the action itself.

Conclusions

Kanban, task forces, boards, customer journey, personas, etc. This year is full of new things to get knowledge from. Also the source control manager will change. We will use git on VSTS so we will get different projects in the same place in a quicker way.

And now, let’s start over! 🙂

Automatically link databases to Red Gate SQL Source Control

Automatically link databases to Red Gate SQL Source Control

For the ones that have many databases to keep under source control, it can be really useful to speed up the link-to-source-control process. The only way we have now is to use the GUI provided by Red Gate SQL Source Control. Actually, there’s a github project called SOCAutoLinkDatabases by Matthew Flat, a Red Gate engineer, but, unfortunately it works only on a shared database model (centralised) in TFS. Let’s see how to manage the link using Working Folder (which is also good for many SCM) and dedicated database model (distributed).

Continue reading

Agile@School – 7th episode

Agile@School – 7th episode

In the 6th episode’s post we’ve spoken about the concept of “sprint failure” and “start again with a new spirit”. Now I can say that we have reached our goals and the application is up and running, ready to be shown during the exam sessions.

We are proud to introduce online Students’ Yearbook!

Continue reading

Agile@School – episode 5

Agile@School – episode 5

It’s time to review the work done.

The web application the students are working on is reaching its end, speaking about development. It’s not so good to see, we know it, but starting from this sprint, we will apply some graphical stuff and we’ll be ready to present the tool to the “board”.

Continue reading

Naming Is Hard

Keep in mind…

Voice of the DBA

I ran across Aaron Bertrand’s naming post recently, which I liked overall. Your team needs to agree how things are named, and be consistent, but I agree that some of the rules I’ve seen put down by people aren’t practical. However I also know that naming things becomes hard, especially over time as your systems evolve and the scale grows.

I’ve run into some strange naming patterns in the last few years that struck me as odd. I grew up in the Hampton Roads area of Virginia, and with a parent selling real estate, I traveled all over the area, often reading a map to navigate. I can rarely remember seeing the same names used over and over, despite the fact this was a relatively populous area.

However when I came to Colorado, I found things to be different. Either the people in charge of naming weren’t creative, or they were…

View original post 264 more words