Agile@School 2021 – La serie completa

Per chi volesse dare una letta alla stagione 2021 di Agile@School qui sotto le puntate. Ogni episodio è dedicato a un personaggio o a un gioco, proprio per la natura del progetto:

Agile@School – Giornata conclusiva

Ultimo appuntamento di Agile@School 2021. Per questa occasione ci racconta l’incontro Alex, una new entry che qualche anno fa prese parte a questa iniziativa proprio come i ragazzi. Siamo finalmente arrivati all’appuntamento che pone sotto i riflettori l’impegno e la dedizione dei ragazzi ovvero i progetti ultimati.

L’idea di fondo proposta era quella di avere una presentazione composta da una panoramica del progetto a 360 gradi partendo quindi dalla descrizione di quest’ultimo per poi procedere con pregi, difetti, punti di forza, difficoltà incontrate e motivi accattivanti per spronare un possibile giocatore ad acquistare il prodotto per poi concludere con la presa visione del progetto e la conseguente prova dello stesso da parte di noi supervisori momentaneamente nei panni di “gamer”.

Presentazione dei progetti

Una volta superata la tensione generale il Team Cromosomi# ha preso l’iniziativa e, anche se non al completo causa assenze, è riuscito a presentare un progetto interessante caratterizzato da un gameplay che assume dinamicità grazie anche al cambio di musica in base alle scelte fatte dal giocatore.
Il gioco è stato presentato su console application e salvo qualche inserimento di dato non previsto non presentava problemi che ostacolassero la giocabilità. Un paio di consigli proposti per migliorare il tutto sono stati l’inserimento di un valore per indicare la vita del giocatore e l’inserimento di immagini che seguono il cambiamento musicale per incrementare il coinvolgimento in game.

A seguire ha preso parola il Team Fisher, team in questo caso al completo.
Presentazione ben organizzata che ha principalmente fatto focus sulle molte tecnologie utilizzate caratterizzata anche da un video realizzato su misura per l’occasione. Ben strutturata anche la storia narrativa che sta dietro al progetto. In questo caso il gioco è stato lanciato direttamente con il proprio eseguibile ed è stato provato dal sottoscritto, che non ha perso tempo per una citazione di alto calibro (infatti ho inserito subito come nome del protagonista della mia partita Rohan Kishibe… ed ho detto tutto). Gameplay con una profonda trama che fa quasi pensare ad un libro-game e che da luogo a una moltitudine di finali raggiungibili variando le scelte del nostro personaggio giocando più volte. Un problema relativo al cambio di musica durante il gioco non ha comunque influito sulla giocabilità in generale.

È stato poi il momento del Team MonkeTeck anche loro al completo.
Idea molto promettente per il progetto di questo team che grazie alla loro presentazione molto ben organizzata hanno centrato l’obbiettivo di dare informazioni che spieghino il processo creativo ma allo stesso tempo attirino il giocatore spiegando il Perché e il Come ponendo anche l’attenzione sul fattore curiosità. Gameplay che si distingue come tema dagli altri avendo come protagonista una nave a scelta che può compiere diverse azioni che possono portare anche alla distruzione della stessa se si azzerano i punti salute. Nota di merito va proprio a quest’ultimo punto, ovvero la vita o salute che finalmente vediamo implementata in uno dei progetti, l’unico fino ad ora. Molto accattivante anche la differenziazione delle statistiche in base alla nave scelta. In questo caso i consigli dati per possibili feature sono stati l’inserimento di immagini o suoni che rendano più coinvolgente la battaglia tra due navi.

Ultimo ma non per importanza è il Team GentsAndLady.py purtroppo in carenza di componenti ma carico abbastanza da sopperire alla mancanza. Presentazione abbastanza esaustiva, anche nel loro caso sarebbe stato ottimo avere una parte dedicata al Perché del gioco ma hanno compensato questa mancanza parlandone direttamente a voce, almeno per far capire a noi l’intenzione che c’era dietro. Anche in questo caso troviamo un gioco in console application preso di mira stavolta da Pier-Paolo, ormai diventato game-tester della giornata che non si è fatto sfuggire l’occasione di mettere qualche dato per far “scoppiare” tutto. Tralasciando piccoli problemi non gestiti nel complesso il gioco segue quanto promesso, quindi la storia di Napoleone in parte romanzata ma che segue un filo logico che permette lo studio giocando più volte.

Fine della corsa

Arrivati a questo punto devo ammettere che siamo stati molto sorpresi e soddisfatti dei ragazzi in quanto nonostante difficoltà, membri mancanti e tester improvvisati rompi scatole sono tutti riusciti a portare a termine un prodotto che, anche se imperfetto, risulta comunque completo.
Anche personalmente sono rimasto particolarmente stupito nel vedere i lavori realizzati dai ragazzi in quanto anche io, giusto qualche anno fa, ero al loro posto e, come loro, avevo realizzato il mio personale progetto con Engage. La differenza che ho notato maggiormente è stata la dedizione riposta in questi lavori. Quando frequentavo la scuola, non c’era questo livello nei progetti ed erano quasi tutti realizzati giusto perché “andavano fatti”. Nel mio caso il gruppo di lavoro era costituito da me :-). La voglia di fare che avevo non era particolarmente condivisa, di conseguenza, seppure non sia stato un progetto rivoluzionario, la mia “chat bella che funzionante tra smartphone e pc” l’avevo portata a termine (soddisfazione alle stelle).
Sono convinto che avvicinandosi sempre di più alle loro passioni si avrà un consenso sempre maggiore a questa iniziativa e una conseguente qualità dei progetti in continuo aumento.

Spero vivamente di poter partecipare nuovamente in futuro proprio per assistere di persona a questa evoluzione e per inserire qua e là qualche citazione di alta classe… Yare yare daze.

Agile@School – Anno quinto, ep. 5

Ed eccoci alla seconda lezione completamente online! L’impatto è stato molto meno forte; la volta scorsa abbiamo avuto un po’ di tensione causata dalla mancanza di esperienza, mentre stavolta la lezione è filata via senza intoppi (tolto qualche problema tecnico iniziale, prontamente risolto dal gentilissimo personale della scuola). È un buon segno. Nonostante tutto, è possibile (addirittura auspicabile?) una forma di educazione online, che nulla ha da invidiare alle classiche lezioni frontali, eccetto il rapporto umano, ovviamente.

Comunque, venendo ai temi della lezione, anche questa volta lo scopo è stato quello di “far parlare” i ragazzi: è piuttosto evidente che la maggior parte di loro non è abituata a interagire più del necessario (per carità, alla loro età…), però una delle cose che vorremmo gli restasse da questa esperienza è proprio quella di imparare i comportamenti tipici del team. In un ambiente lavorativo, dove la comunicazione e il lavoro di squadra sono centrali, infatti, possono fare la differenza.

Pier-Paolo ha iniziato la lezione riprendendo le fila di quella precedente e ha cercato di far comprendere meglio agli studenti la differenza fra un approccio waterfall (a cascata) e uno ad iterazioni, tipico invece dello sviluppo agile, che in questo periodo è addirittura indicato nei decreti ministeriali. Quello che si è notato è la tendenza da parte dei ragazzi di procedere in un modo un po’ “tutto o niente”, poco organizzato nel tempo, per quanto riguarda le implementazioni; in ambito lavorativo ciò non consente di portare un reale valore tangibile al cliente. Infatti, non gli viene fornita una versione coerente del lavorato e non gli si da visibilità dei progressi nel software fino a fine sviluppo. I ragazzi dovrebbero cominciare a lavorare più a “storie”, realizzando parti del loro software, magari piccole, ma funzionanti e “visibili” findai primi momenti (agile e iterazioni).

Le impressioni positive che già avevamo rilevato sono poi state confermate: la modalità totalmente online con cui si svolge la lezione è vincente. Anche questa volta il professore ha chiesto di mostrare l’avanzamento dei progetti ed è evidente che i ragazzi si stiano abituando al backlog e alla creazione e presa in carico dei task. Manca ancora il poter vedere i progetti funzionanti, ma siamo confidenti nelle prossime lezioni.

La lezione è terminata con una breve dimostrazione dell’integrazione fra le push su GitHub e Azure DevOps (impostate la volta precedente). La prossima settimana vedremo se tutto questo avrà portato i voluti risultati. Speriamo anche di poter iniziare a parlare di branching style, ma questo è un argomento ostico anche per i lavoratori, quindi non sarà semplice.

Bene, continuiamo così nonostante le difficoltà che ci stanno mettendo a dura prova. Alla prossima lezione!

Microsoft Localization Community, perché le traduzioni sono importanti

Scrivo questo post in italiano perché farlo in inglese potrebbe creare confusione… a parte gli scherzi, credo che sia una delle lingue più belle di tutto il pianeta, e non perché è quella con cui sono nato e che ho studiato, bensì perché è vasta, variabile, melodica e tanto altro.

Non è un caso che una delle mie attività preferite (e anche più frequenti) sia quella di supportare la localizzazione dei prodotti software che ognuno di noi, nel mondo della Information Technology, usa tutti i giorni. Seppure il post sia sulla community di Microsoft, sono attivo un po’ dappertutto, da software di altri fornitori, a quelli interni che sviluppiamo in azienda, fino ad arrivare alle app mobile, che spesso distruggono l’italiano come nessun altro. Ma parlo di Microsoft Localization Community perché ogni giorno, prima di iniziare la mia giornata e poco prima di terminarla, uso l’applicazione apposita per migliorare le traduzioni di quello che utilizzo tutti i giorni. Si tratta per di più di Visual Studio Code e Azure Data Studio, ma non trascuro nemmeno SQL su Linux e altre voci legate agli strumenti da sviluppatore.

Seguendo il link di cui sopra, troverete una wiki che vi mostra tutte le possibilità di collaborazione. Nonostante le persone che lavorano a tali attività non siano poche, non sarebbe male avere più contributi, anche per avere conseguentemente più qualità. Solo su Visual Studio Code abbiamo tutti questi volontari:

Ognuno di noi viene menzionato nella pagina delle note di rilascio di VSCode. Quindi, un incentivo in più per dare una mano!

Ma non è tutto qui, vi sono altre dashboard che consentono di vedere un po’ tutta l’attività di traduzione attorno ad un software. Qui di seguito vi mostro quelle per gli strumenti da sviluppatore (Developer Tools), Azure Data Studio, SQL su Linux e ancora VSCode:

Si tratta di non pochi sforzi della community. Tanto lavoro per ottenere strumenti e software sempre più comprensibili e facilmente utilizzabili, anche nella nostra lingua madre, che non ha mai avuto troppo successo nel mondo dell’IT. Vi consiglio di dare un’occhiata a questi contenuti, partendo proprio dal repository github della Microsoft Localization Community.

Vi aspettiamo!

DevOpsHeroes 2018 – Another brick in the wall

Event details

DevOpsHeroes has been a great event, again! We didn’t expect so many people and we could not imagine that the feedback would be so good. Quick facts:

  • Subscription: 244 (150 the past year)
  • Attendees: 122 (94 the past year)
  • drop: 50% (38% the past year)

Attendee’s satisfaction

The following radar chart is about the event date, location, quality of the sessions, quality of the speakers, food, hospitality, event design, and kits:

As we can see, the overall satisfaction is really high (4/5)! The blue line is related to the audience which already has attended our event (40%) and the orange one represents the first-timers (60%).

Indeed, we’ve got a good feedback also for the following questions:

  • will you attend again?
    • Sure, 45%
    • Most likely, 33%
    • Likely, 22%
  • will you suggest the event to other people?
    • Sure, 76%
    • Most likely, 21%
    • Likely, 3%

Conclusions

We’re really proud of the third edition of DevOpsHeroes. Engage IT Services and Xebir did a great job together, and, hopefully, both companies will cooperate in the future in order to provide new formats and events like this one. A special thanks goes to Scott Ambler, and also to Italian Agile Moviment for sponsoring and supporting the organisation.

Download sessions here.

Last but not least, thanks to GetLatestVersion.it and also WindowServer.it which allowed us to get DevOpsHeroes in the best shape possible.

See you next year!

DevOpsHeroes see you next year!

Event details

DevOpsHeroes has been a great event. We didn’t expect so many people and we could not imagine that the feedback would be so good. Quick facts:

  • Subscription: 150
  • Attendees: 93
  • drop: 38%

Attendees’ County/Region (breakdown):

partecipanti-geografia.png

Attendee’s satisfaction

The following radar chart is about the event date, location, quality of the sessions, quality of the speakers, food, hospitality, event design and kits:

soddisfazione

As we can see, the overall satisfaction is really high (4/5) and everything on the venue was rated higher!

Indeed, we’ve received a good feedback also for the following questions:

  • will you attend again?
    • Sure, 26%
    • Most likely, 52%
    • Likely, 20%
  • will you suggest the event to other people?
    • Sure, 59%
    • Most likely, 32%
    • Likely, 9%

Additionally, we’ve got 87% of new entries, awesome!

Some considerations

We have to work for the next year’s edition, in order to improve our organisation, but in the end we did very good. The number of event feedback is close to the total number of attendees, so they can be considered the source of any suggestion.

Speaking about tech sessions, including the speech made by Martin Woodward, we’ve received a set of important suggestions. We already know, our speakers are skilled and passionated, but how can we understand the people’s opinions without these surveys?

I’ve spent last two nights in browsing and reading hundreds of those sheets (almost 500, thanks again). Each of them has the following questions:

  • Did the session meet your expectations?
  • Was the topic interesting?
  • Was the speech valuable?
  • What about the quality of the presentation?
  • How’s the speaker? Funny, expert, teacher, motivator, storyteller?

As we can see in the picture below, left side, the overall satisfaction is very high once again (expectations, interesting, valuable and presentation). On the right side, we notice that our speakers are considered experts and somehow funny and storyteller:

screen-shot-2017-10-28-at-02-07-53-e1509149570123.png

Conclusions

We’re really proud of the second edition of DevOpsHeroes. Engage IT Services and Upgrade did a great job together, and, hopefully, both companies will cooperate in the future in order to provide new formats and events like this one. A special thanks goes to Martin Woodward (Microsoft), which “crossed the seven seas” for being with us, and also to HPE for sponsoring and supporting the organisation. A great kudos goes to Silvio Di Benedetto and Giuliano Latini, who managed and followed the live streaming and the session recordings (coming soon here).

Download sessions, pics and the event stuff here.

Last but not least, thanks to GetLatestVersion.it, DotDotNet.org and also WindowServer.it which allowed us to get DevOpsHeroes in the best shape possible.

See you next year!

SQL Server Latest Updates (Jun. 2017)

Directly from the SQL Server Release Service blog, here the latest updates for SQL Server 2012 and 2017:

SQL Server 2012 Service Pack 4

(SQL Server 2012 SP4 will be released next month in September 2017 and a release announcement with detailed information on improvements will be shared at the time of the release.)

SQL Server 2017 & Replication Management Pack CTP 4

Stay Tuned! 🙂