Serie completa: Agile@School 2020

Eccovi la lista degli episodi, per condividere con voi il progresso di quest’anno con l’IISS Gadda di Fornovo Taro (TAG# Agile@School):

Anche quest’anno grandissima esperienza. Un grazie a Christian Memoli (docente di Tecnologia) e al nostro istruttore Pier-Paolo Mammi, che ha fatto veramente un bel lavoro.

Alla prossima!

Agile@School – Anno quinto, ep. 8

Siamo infine giunti al termine della nostra avventura “agile” coi ragazzi del I.I.S.S. Gadda; è stato un viaggio pieno di concetti nuovi, di abitudini per lo più sconosciute e difficili da fare proprie, soprattutto in un percorso così breve. Cosa avranno imparato i ragazzi e cosa sarà rimasto loro per il futuro? Intanto, scopriamo com’è andata la presentazione dei progetti.

Esaminare il file README e le grafiche delle applicazioni

Nella precedente lezione Pier-Paolo ha dato un paio di esercizi: compilare il README.md dei progetti GitHub, visualizzato in automatico all’apertura del repository da browser e realizzare alcuni mock-up dell’interfaccia grafica per le applicazioni che hanno sviluppato finora. Eravamo curiosi di capire come i ragazzi si sarebbero immaginati la propria applicazione, così come quale sarebbe stata la loro “sensibilità” verso la user experience.

Già dalle diverse modalità con cui i progetti sono stati presentati abbiamo notato con piacere il buon livello di organizzazione e affiatamento dei team. In particolar modo ci ha colpito il team TEP, che non solo ha realizzato un file readme corposo, con una descrizione estesa delle funzionalità dell’applicazione e istruzioni piuttosto dettagliate per l’apertura in locale del loro progetto, ma anche ricco di linee guida da seguire per la creazione della parte grafica, con i colori dell’applicazione, gli stili, ecc.

Le diverse schermate sono poi state descritte dai rispettivi creatori, tuttavia risulta evidente la coerenza generale con cui queste sono state ideate. Nonostante la grafica fosse minimale (com’è giusto che sia in un mock-up), questa risultava di immediata comprensione e fruibilità da parte di un possibile utente finale, per cui sarebbe stata tranquillamente impiegabile in una app reale.

Durante la visione del codice è risaltato il corretto utilizzo del branching negli sviluppi (affrontato in prcedenza) portati avanti dai vari membri.

Il secondo gruppo a dare soddisfazione è stato quello che ha progettato il Casinò. File readme ben compilato, è vero, ma degno di nota è stato soprattutto il mock-up della loro applicazione: una sola schermata, ma molto vicina ad una vera pagina iniziale di un sito di gaming, poiché costruita con molto colore e con tanta grafica. Non solo, anche funzionante!

Gli altri due gruppi sono riusciti a realizzare dei mock-up significativi, ma con qualche “pecca”: quello presentato dal team CUP, impaginato bene ma troppo simile a un sito vero e proprio, tanto era ricco di contenuti. Non è stata sottolineata la modalità di utilizzo dell’applicazione. I ragazzi del team ClasseViva sono stati più “in tema”, ma le schermate presentavano qualche incertezza a livello di esperienza utente. Pier-Paolo ha quindi suggerito di scegliere i componenti dell’interfaccia in modo da renderla più intuitiva e immediata per l’utente finale (ad esempio, prediligere i pulsanti invece delle tendine di selezione e via discorrendo).

Tirando le somme

In queste otto lezioni abbiamo parlato di come ci si approccia allo sviluppo “agile”: cosa sono le user story e come queste diventano work item in un sistema di gestione dei progetti (in particolare Azure DevOps); cosa sono le boards, come si utilizza il backlog e la presa in carico dei task; infine, come sia importante abituarsi alle cosiddette cerimonie (stima dei work item, review quotidiana, etc.). Abbiamo poi complicato il tutto coinvolgendo Git e le sue caratteristiche più avanzate, come ad esempio il branching e la risoluzione dei conflitti, nonché la necessità di collegare la gestione del codice ai work item per tracciare contemporaneamente gli sviluppi e l’andamento del progetto. Infine abbiamo condito il tutto con qualche concetto normalmente tralasciato quando si parla di sviluppo, come la creazione della documentazione (tecnica e funzionale) e la realizzazione di mock-up per la UI.

Conclusioni

A ben guardare, anche se per me il tempo è quasi volato, abbiamo fatte vedere davvero tante cose a questi giovani. Confidiamo che per gli studenti il corso (seppure il nome è riduttivo vista l’esperienza) non sia stato semplicemente uno fra tanti, ma che sia visto come un punto di partenza, uno stimolo in più per approfondire e fare propri tutti i concetti, soprattutto per quando si troveranno ad affrontare un’esperienza lavorativa. In più, la difficoltà imprevista della quarantena (a nostro avviso, affrontata alla grande) ci ha “costretti” a condurre il corso in modalità online. Beh, possiamo ritenerci decisamente soddisfatti.

Chiudo (un po’ a malincuore) ringraziando in primis il professor Christian Memoli e i dirigenti dell’I.I.S.S. Gadda, che ci hanno nuovamente dato fiducia nel portare avanti il progetto Agile@School; naturalmente i ringraziamenti si estendono, al nostro docente ormai ufficiale, Pier-Paolo, che ha svolto un lavoro eccellente, di cui ero praticamente certo.

Last, but not least non posso che ringraziare anche i ragazzi stessi, sia per aver sopportato le nostre pressioni, sia per aver ascoltato e messo a frutto quanto imparato: senza di loro questo progetto non avrebbe neanche senso di esistere!

Stay tuned per il prossimo anno…

Agile@School – Anno quinto, ep. 7

Settima lezione. Questa volta non parleremo dell’essere “online” a lezione come precedentemente descritto, ormai è un dato di fatto. Notizia di oggi, invece, quella che oltre agli esami di maturità effettuati online, in caso di protrarsi della situazione di emergenza, a settembre tutte le lezioni verranno tenute in didattica a distanza. In tal caso direi che siamo già pronti.

In questa lezione, i ragazzi hanno potuto provare con mano cosa accade quando non si applica una metodologia agile; il professore si infuria! Ma quali sono stati i passi falsi? Proviamo a vederli più in dettaglio, al fine di analizzare meglio la problematica ed evitare che si ripeta in futuro.

Uso scorretto degli strumenti e disorganizzazione

In un caso, il codice scritto da ciascuno dei membri di un team non è stato portato sul repository GitHub, bensì unicamente memorizzato sul proprio computer. E non è nemmeno stato installato il software necessario per interfacciarsi al source control. Nell’altro, non siamo stati in grado di vedere nulla. Indovinate il motivo… nessuno dei membri del gruppo aveva a disposizione un computer dal quale poter condividere lo schermo, poiché erano tutti collegati solo tramite smartphone.

Entrambi i casi rappresentano punti critici nell’adozione dell’agile development:

  • nel primo, la mancata adozione degli strumenti e dei processi scelti, che in un ambito aziendale hanno una precisa ragione d’essere. Possibili conseguenze sono disallineamento nel codice e introduzione di anomalie, se non addirittura perdita di codice (“se si rompe il PC?”);
  • il secondo, la mancanza di organizzazione, che è un sottoinsieme della mancanza di comunicazione, punto chiave della mentalità agile: in questo caso, pensate alla “brutta figura” che si fa nel non presentare nulla ai committenti perché nessuno ha un computer. Quasi anacronistico. E pensare a un piano di riserva?

Torniamo alla teoria: la documentazione

Siamo certi che i ragazzi abbiano imparato tanto da questa serie di difficoltà. Tuttavia, nonostante il blocco, la lezione è andata avanti con un po’ di teoria. Oggi è stato il momento della documentazione, aspetto spesso trascurato, se non frainteso, dello sviluppo del software. Avete sentito bene, dello “sviluppo del software”. Nessuno si può salvare, nemmeno gli sviluppatori.

Pier-Paolo ha quindi evidenziato la differenza fra la documentazione tecnica e quella funzionale, entrambe necessarie, ma diverse sia nell’obiettivo/destinatario che nella stesura. Se nella prima è possibile adottare un linguaggio di settore e scendere nel dettaglio delle implementazioni (pratica consigliata per favorire la documentazione interna del team), nella documentazione funzionale troveremo una descrizione dell’operatività, corredata di schermate ed esempi concreti. Non dimentichiamo che quest’ultima è rivolta soprattutto all’utente finale del software.

Per far capire meglio questo aspetto abbiamo mostrato ai ragazzi alcuni esempi di quanto realmente realizzato sul lavoro e abbiamo dato loro due semplici esercizi: uno, provare a compilare il file README.md sul repository GitHub, con una descrizione del proprio progetto e le istruzioni per scaricarlo e aprirlo; due, disegnare alcune schermate di come immaginano l’interfaccia utente che il loro software deve avere, utilizzando gli strumenti di mocking che preferiscono.

Conclusioni

La lezione si è chiusa con la presentazione del codice degli altri gruppi, quelli che hanno commesso meno errori dei primi. Una cosa ci ha colpito in particolare, la realizzazione del progetto “Casinò online”, in quanto i ragazzi hanno già adottato una soluzione che facilita l’integrazione del codice in un’interfaccia grafica; un approccio quasi da architetti software, bravi!

Ci avviciniamo purtroppo alla fine del nostro percorso, alla sfida finale, quasi al boss di fine gioco. La prossima volta i ragazzi dovranno presentare tutto quanto fatto. Siamo proprio ansiosi di vedere come lo step finale verrà affrontato da ognuno di loro. Le scelte di chi presenterà, come, gli strumenti ed, ultimo ma non per importanza, come gestiranno i tempi.

DevOps journeys series – Vertica release pipeline with Azure DevOps – Ep. 02 – build

In a previous post, we’ve described the “from scratch” approach on the development side. When everything works well there, a push (or check-in) triggers the build engine. We must deal with two SQL Server instances (SSIS Servers hereafter), with an environment for each of them:

The build pipeline

The SSIS Servers keep Vertica‘s test and production mappings as well as test and production connection strings for the SQL Server databases. So we need the right variable mapping for all the scenarios, but this is not in the scope of the post, we will speak about it in the next posts. Anyways, here is how the build pipeline works:

Our build process

You may notice that the task “Copy vertica deploy scripts” is disabled. Well, to be honest, right now we’re waiting for the target integration environment.

Build process explained

In the beginning, the build server gets the source files from the repository and creates the target artifacts folder with a Powershell script. This will be the path from which we will push the artifacts to the release pipeline.

The build server generates the .ispac file for the SQL Server Integration Services packages using the dedicated task. The copy tasks will be executed:

As you can see, we’ve got a set of utilities and transformation tools, that will be executed in the release pipeline as well as the environment script. This one contains the SSISDB variables mapping and the SSIS Project configurations statements. Misc files, .sql files for environments and the .ispac file will be copied to the target artifacts folder.

The tasks above copy our template of the .nuspec file to generate the NuGet file (NuGet pack step). This is what we get using NuGet:

Then, we’re ready to publish the files to the release pipeline. We will see how the release pipeline works in the next posts.

Ehm… you miss Vertica

Yes, you’re right. But, it’ll be just a copy of .sql files to the artifacts folder. We will see how the release manager will execute them, so…

Stay tuned!

Agile@School – Anno quinto, ep. 5

Ed eccoci alla seconda lezione completamente online! L’impatto è stato molto meno forte; la volta scorsa abbiamo avuto un po’ di tensione causata dalla mancanza di esperienza, mentre stavolta la lezione è filata via senza intoppi (tolto qualche problema tecnico iniziale, prontamente risolto dal gentilissimo personale della scuola). È un buon segno. Nonostante tutto, è possibile (addirittura auspicabile?) una forma di educazione online, che nulla ha da invidiare alle classiche lezioni frontali, eccetto il rapporto umano, ovviamente.

Comunque, venendo ai temi della lezione, anche questa volta lo scopo è stato quello di “far parlare” i ragazzi: è piuttosto evidente che la maggior parte di loro non è abituata a interagire più del necessario (per carità, alla loro età…), però una delle cose che vorremmo gli restasse da questa esperienza è proprio quella di imparare i comportamenti tipici del team. In un ambiente lavorativo, dove la comunicazione e il lavoro di squadra sono centrali, infatti, possono fare la differenza.

Pier-Paolo ha iniziato la lezione riprendendo le fila di quella precedente e ha cercato di far comprendere meglio agli studenti la differenza fra un approccio waterfall (a cascata) e uno ad iterazioni, tipico invece dello sviluppo agile, che in questo periodo è addirittura indicato nei decreti ministeriali. Quello che si è notato è la tendenza da parte dei ragazzi di procedere in un modo un po’ “tutto o niente”, poco organizzato nel tempo, per quanto riguarda le implementazioni; in ambito lavorativo ciò non consente di portare un reale valore tangibile al cliente. Infatti, non gli viene fornita una versione coerente del lavorato e non gli si da visibilità dei progressi nel software fino a fine sviluppo. I ragazzi dovrebbero cominciare a lavorare più a “storie”, realizzando parti del loro software, magari piccole, ma funzionanti e “visibili” findai primi momenti (agile e iterazioni).

Le impressioni positive che già avevamo rilevato sono poi state confermate: la modalità totalmente online con cui si svolge la lezione è vincente. Anche questa volta il professore ha chiesto di mostrare l’avanzamento dei progetti ed è evidente che i ragazzi si stiano abituando al backlog e alla creazione e presa in carico dei task. Manca ancora il poter vedere i progetti funzionanti, ma siamo confidenti nelle prossime lezioni.

La lezione è terminata con una breve dimostrazione dell’integrazione fra le push su GitHub e Azure DevOps (impostate la volta precedente). La prossima settimana vedremo se tutto questo avrà portato i voluti risultati. Speriamo anche di poter iniziare a parlare di branching style, ma questo è un argomento ostico anche per i lavoratori, quindi non sarà semplice.

Bene, continuiamo così nonostante le difficoltà che ci stanno mettendo a dura prova. Alla prossima lezione!

Agile@School – Anno quinto, ep. 4

Vista l’emergenza in corso, è passato un po’ di tempo dall’ultimo aggiornamento e di cose ne sono successe: poco dopo l’ultima lezione, infatti, il Coronavirus ha iniziato a diffondersi e sono state prese contromisure sempre più restrittive per arginare il fenomeno. Si è arrivati infine al divieto per tutti i cittadini di uscire di casa, a meno di emergenze e necessità lavorative.

[…] un’occasione per sperimentare una nuova condizione, per mettere alla prova gli strumenti che usiamo tutti i giorni sul lavoro.

Da parte nostra, si può dire che abbiamo avuto “fortuna”, sia perché la nostra attività quotidiana (la programmazione) può essere eseguita anche fuori dall’ufficio via telelavoro, sia perché avevamo già predisposto anche prima del virus gli strumenti per metterla in pratica, per cui siamo stati fra i primi ad adottare l’utilizzo dello smart working che ci permette di lavorare da casa. Engage IT Services nasce in telelavoro, da tre persone che non avevano soldi per un ufficio, e oggi, grazie alla filosofia descritta qui, possiamo dire “ragazzi, da lunedì si lavora da casa” senza nessun problema di sorta. Un problema a dire il vero c’è, il caffè insieme, quello ci manca davvero!

Ma cos’è successo nelle scuole? In quella seguita da noi, in particolare, il professore non si è voluto perdere d’animo e, dopo un paio di lezioni sospese per precauzione, ci ha chiesto disponibilità per tenere una delle nostre lezioni in modalità di meeting online con gli studenti: ovviamente abbiamo accettato con entusiasmo, sia perché ci sarebbe dispiaciuto lasciare indietro i ragazzi sugli argomenti che avevamo preparato, sia perché era un’occasione per sperimentare una nuova condizione, per mettere alla prova gli strumenti che usiamo tutti i giorni sul lavoro.

Ed eccoci qui, tutti pronti da casa con Microsoft Teams configurato e avviato in attesa di essere invitati alla “riunione” della classe. SPOILER: la lezione è andata alla grande e ha guadagnato molto dal fatto di essersi svolta online invece che di persona, e nel seguito vedremo il perché.

Partiamo dallo svolgimento della lezione: cominciamo col dire che questa ha avuto un tono molto da “review”; è stato chiesto ai ragazzi, uno per gruppo, di illustrare ciò che avevano fatto in queste settimane (non crediate che se ne siano stati con le mani in mano, anzi) evidenziando principalmente quale fosse stata l’organizzazione del team negli sviluppi. Dopo ogni presentazione, abbiamo quindi riesaminato le board per capire se i nuovi PBI fossero stati inseriti correttamente e abbiamo fornito consigli su come migliorarne la stesura.

intro-view.png (728×310)

Particolare attenzione è stata posta ancora una volta sulla disciplina necessaria ad adottare una serie di processi. Sebbene in un ambiente scolastico essi possano risultare “pesanti”, a lungo termine non possono che incrementare consapevolezza ed efficienza nel modo di lavorare.

Tutto questo è avvenutotramite schermo condiviso e ciò ha permesso una partecipazione forse più diretta rispetto ad una lezione frontale in cui i ragazzi spesso non riescono a condividere quanto implementato o a interagire direttamente su quanto mostra il professore.
Nonostante molti ragazzi non disponessero di un computer e si fossero collegati con smartphone o tablet, l’impressione è stata che la lezione si trasformasse in qualcosa di più personale. Le distanze “fisiche”, già inevitabili in classe e in questo frangente anche più estese, si sono praticamente annullate. E questo ha portato molta più partecipazione.

[…] essere reattivi al cambiamento sia un processo fondamentale di ognuno di noi, azienda o individuo.

La lezione è terminata con la richiesta di collegare i repository GitHub dei ragazzi alla nostra board Azure, per poter mostrare loro la prossima volta l’integrazione fra i due mondi: abbiamo quindi mostrato la procedura per la creazione dei Personal Access Token, toccando così anche l’argomento sicurezza nella gestione dei repository.

L’aspetto su cui Pier-Paolo insisterà nella prossima lezione è quello della creazione di valore aggiunto ad ogni iterazione: sembra infatti essere presente un po’ di “dispersione” negli sviluppi. Anche il professor Memoli ha richiesto, dal canto suo, che i ragazzi mostrassero qualcosa di funzionante e tangibile per evidenziare tale problematica.

Il primo esperimento si può quindi dire concluso con successo e non vediamo l’ora di proseguire con la prossima lezione per avere conferma delle nostre impressioni! Una cosa che vogliamo sottolineare è che in questo periodo di emergenza, non solo chi sfrutta i nostri servizi cambia. Cambiamo anche noi e questo non fa altro che incrementare la consapevolezza di come essere reattivi al cambiamento sia un processo fondamentale di ognuno di noi, azienda o individio. Questi ragazzi ci hanno dato un insegnamento non piccolo. Si può fare!

Agile@School – Anno quinto, ep. 3

Nella seconda lezione abbiamo deciso di iniziare ad affrontare l’integrazione fra Git e Azure DevOps, in particolare per quanto riguarda il collegamento automatico fra i commit/push e i Task. Questa volta, però, abbiamo incontrato non poche difficoltà. I ragazzi, infatti, hanno lavorato su GitHub fino ad oggi, per cui abbiamo ritenuto opportuno effettuare l’importazione dei loro repository sul nostro Azure DevOps, tramite l’apposita funzione integrata.

Agli studenti, comprensibilmente, non erano stati dati permessi sufficienti per effettuare l’importazione in autonomia, per cui un po’ di tempo è andato perso nel far immettere le loro credenziali, uno alla volta. Superato “facilmente” questo primo ostacolo, i repository sono risultati importati con successo e, dopo una prima revisione dei concetti base di source control e del funzionamento di Git, Pier-Paolo ha seguito i ragazzi nell’operazione di cloning con l’ausilio di SmartGit, a cui erano già da tempo abituati.

log-default-coloring-4f58b1c4.png (1596×792)

Si è partiti con i comandi base di Git (checkout, commit, push/pull) intervenendo direttamente sul codice già scritto dai ragazzi, su schermo condiviso, in modo da dimostrare loro le potenzialità dello strumento. Purtroppo, la condivisione su schermo è stata l’unica strada percorribile, anche in questo caso i permessi erano mancanti. Dobbiamo preparare gli ambienti un po’ meglio la prossima volta!

Altra cosa da notare questa volta è che, durante la lezione, abbiamo avuto modo di toccare, seppure superficialmente, questioni di metodologia di sviluppo. Ad esempio abbiamo affrontato le naming convention, modularità e pulizia del codice, leggibilità, e via discorrendo, tutti argomenti che usualmente non vengono trattati nei classici corso di programmazione.

A fronte di tutte queste problematiche introdotte dal tentativo di migrare i progetti su Azure DevOps, è parso evidente che i ragazzi trarranno più benefici continuando ad utilizzare i loro repository su GitHub. Pier-Paolo si è quindi prefissato di sfruttare la funzionalità “GitHub Connections” la prossima volta. La feature di Azure DevOps permette di collegare un repository GitHub ad un progetto interno, permettendo al tempo stesso di sfruttare il meccanismo di associazione fra commit e Task, come descritto qui.

Kanban board shows GitHub links

Stavolta la lezione è stata forse più importante per noi che per i ragazzi e in retrospettiva individuale abbiamo imparato una importante lezione:

L’utilizzo di strumenti già in essere (non ci stancheremo mai di ripeterlo) è fondamentale per non aggiungere ostacoli ad un già difficoltoso percorso di migrazione culturale. Da queste piccole cose, si denota come una consapevolezza dell’ambiente in cui si lavora e dei tool annessi, avvicini tutti al successo del progetto stesso. E questo vale sia nelle aziende, sia nelle scuole.

La prossima volta tocca al branching e a comandi Git più “avanzati”, come le pull request, e il livello di difficoltà aumenterà notevolmente… Vediamo come sapranno affrontarla!

Agile@School – Anno quinto, ep. 2

Eccoci arrivati alla seconda lezione, cominciamo finalmente a fare sul serio!

La volta scorsa avevamo chiesto ai ragazzi di provare a inserire le user story sulle board dei loro progetti. Ora, le board erano lande desolate… Forse la causa è da attribuire al concetto di user story, che può essere in qualche modo complesso e non facile da “digerire”. Oppure il motivo è da ricercare in una gita in Spagna di mezzo?

Nessun problema, è comprensibile che le user story non siano di immediata comprensione, soprattutto per questi ragazzi che sono chiamati ad essere clienti, PO e sviluppatori nello stesso tempo. Soprattutto un portale con così tante feature, non è semplice da navigare, per cui, armati di pazienza, Pier-Paolo ha ripreso i concetti daccapo e li ha approfonditi con esempi concreti.

Questa volta, invertendo di fatto il modus operandi della lezione precedente, ha provato a dare molta più importanza alla pratica, quindi, insieme ai docenti ha seguito i ragazzi nel data entry sulle board.

I gruppi avevano già compilato a inizio corso un elenco di attività da eseguire per sviluppare i loro software: chi salvato su un foglio Excel condiviso sul cloud, ben formattato (soprattutto i gruppi con ragazze, sempre precise), chi invece su un file di testo, copiato per ogni studente, aggiornato via email (questo invece sarà un buon punto di partenza per una delle prossime lezioni, ndr). I ragazzi sono comunque stati veloci ad apprendere e, dopo un primo approccio, hanno iniziato anche ad appassionarsi. Si è vista la crescente curiosità rivola a come si gestiscono gli item e a come dovrebbero essere compilati. Sta crescendo la loro parte proattiva, nulla di più bello da vedere in una classe.

Per terminare rilassandosi un po’, Pier-Paolo ha insegnato poi il poker!

Non quello vero, naturalmente, anche se uno dei progetti è un Casinò virtuale, ma il planning poker. E qui proprio il gruppo che sviluppa il Casinò (sarà un caso?) ha immediatamente trovato un sito per poterlo fare online collaborativamente, che è stato subito utilizzato anche dagli altri. Prima abbiamo visto la proattività dei ragazzi, ora siamo addirittura arrivati alla crescita di team. Si bruciano le tappe quando si capisce il valore di alcune nostre azioni!

La lezione è passata piuttosto in fretta, del resto quando ci si diverte accade spesso. Chiudiamo qui con un compito “facile facile” per la prossima volta, cioè inserire i task nei PBI. Chissà se saranno così bravi da buttare giù anche le stime? Vista la crescita, siamo ottimisti 😊

Stay tuned, la prossima volta tocca a Git!

Display Reporting Services usage statistics with Grafana

Introduction

In this post, we will describe an efficient way of showing the usage statistics of our SQL Server Reporting Services hosted reports. Most of the queries below have been addressed in another article published by Steve Stedman. Even though they are really useful, the article shows their results through SQL Server Management Studio.

The problem

One of the problems that often occur in our organization as well as some of our customers, is to get immediate feedback about usage statistics of reports. Usually, the request of creating reports is out of control and some of them are executed only “that time” and not anymore. In the worst-case scenario, many of them aren’t executed at all and some of them could become even overlapped or duplicated.

Therefore, it is important to know the usage statistics, user by user and report by report, to make the reader aware of them, let him interpreting the values of the same query in multiple ways and graphical layouts. While this is not possible with a tabular format (unless you export the values using any external tools such as Excel) it is simpler when it comes to a dashboard.

Our solution: Grafana

We considered two factors: simplicity and efficiency, in order to make this first-sight dashboard. Grafana enables us to get both of them, as well as being very powerful and immediate. Even though this is not the right definition for it, we can say that “it is a portal to create dashboards using connectors, which support the most famous tools that return data”. We can find them in its marketplace. For instance, tools such as PRTG and Prometheus (monitoring), NewRelic (APM), also SQL and NoSQL data sources are supported:

Obviously, we can find SQL Server. Also, we can contribute to create others, as well as to modify Grafana itself, since it is completely an Open Source project. Examples of possible graphical representations are listed below:

Creating a dashboard is really simple. Just add each panel with a button.

Then, write the query and modify settings to get the desired type of representation.

As mentioned before, the connectors are many. Once selected you can to configure them with parameters:

If you would like to install and configure Grafana you can read the official documentation which also includes a short guide that illustrates how to take your first steps.

That’s it!

Conclusions

With half a day of work (including the setup of the server), we have solved one of the most important problems of our customers, derived from the lack of awareness of reports deployed in production environments. We did it with very little effort and the result, as you can see, is pleasant and effective. Everything is now ready to be published every time we update the dashboards also through a delivery software (Octopus Deploy, Jenkins or Azure DevOps) so all these things fall into the second and third way of DevOps (according to The Phoenix Project): Immediate Feedback and Continuous Improvement.

Stay Tuned!

Reducing the gap between operations and development using Azure DevOps

Intro

As we all know, DevOps is culture. In a company that is going to adopt its practices and principles, everyone should be “on the same side”. Continuous improvement cannot be part of our work in IT if we wouldn’t reduce the gap between development and operations. People like me, that worked in the 90s, know that dev and ops were always isolated in silos and this was “the only” way that everyone followed as a suggestion taken from the market leaders. Ticketing systems and extreme bureaucracy acted as a man-in-the-middle between those silos, transforming each organization in two people-unaware endpoints.

Speaking from a DevOps perspective, in such circumstances, a developer couldn’t know anything about how to deploy, where and how is an environment configured. On the other hand, an operation guy couldn’t get anything from a package in terms of what the application has been made for. Due to this gap we often see performance issues, underestimated hardware stuff and delayed releases. Last but not least, what about the lack of commitment and accountability of the employees working on the solution? In short, reducing such a gap is possible using a combination of DevOps culture and the right tools. We will see hereafter how my organization tries to do so using Azure DevOps.

Scenario

Let’s get started with our team (DevTeam hereafter), which is working with agile methodologies, composed of ten developers and a PO. A quick note, we are using a process decision framework called Disciplined Agile (https://www.disciplinedagileconsortium.org/). Then, we have three operation professionals (OpsTeam hereafter). Build and deploy pipelines already exist. Builds are hosted by Azure DevOps and deploys are managed by Octopus Deploy. Getting this has been a difficult mission.

Everything is related to infrastructure in terms of servers, operative systems, virtual hosts, DNS, firewalls, security and so on, is the responsibility of our OpsTeam. As a result, they do many tasks for managing the environments. Here comes the problem. DevTeams used to create tasks in a dedicated backlog, but OpsTeam didn’t. It’s not just a matter of end-of-pipeline tasks, but also tasks for their daily basis work.

Our solution

Modify the tool, adapting its shape in order to fit in with that real scenario. A piece of cake, when you’re DevOps “inside”. How did we change Azure DevOps? Let’s describe what we did in three parts:

Team on Azure DevOps

To create a team in Azure DevOps is really a piece of cake (according to the latest releases). Just navigate to the options and select Teams:

We can add many teams clicking on New team:

We can set the team’s administrators, the permission set and an area under which every work item will be created. This area will be one of our best friends, especially when we will make our queries for gathering and analyzing the team’s related data. Additionally, also the other teams’ members could create items with this area in order to make the OpsTeam aware of them.

Team’s backlog

Now let’s navigate to Backlogs:

Good! The new backlog has been created. Going on it, we will see the team’s drop-down as well as the one for iterations. Great features!

Once created, we will see the teams’ drop-down:

Work items

Now, let’s create a new work item type. We call it Ops item. Navigate to Process customization page:

Before adding the new work item, we must ensure that the process is already a custom process, otherwise, all the edits will be blocked as shown in the following picture:

We’ve already created a SimplifiedScrum process. let’s add our item now:

Now we are going to modify the fields of the new type. Each team should be able to understand all the item’s properties. We will leave the item as is in this example. Then, we have to map the type to the backlog item list, since only the default work item types are shown initially. To do this, navigate to the Process customization page, Backlog Levels tab:

As we can see, we can also set the default item for our requirements backlog. Moreover, every Sprint backlog, based on iterations, will enable us to add the new Ops item:

Wrapping up

So, we’ve got a backlog for the IT Operations team’s members. Then, we’ve related it to their Azure DevOps team. Additionally, we’ve got a particular work item type (not mandatory, but really useful for querying it or adding it into dashboards) target of IT Operations’ job and a dedicated Area Path. We can make many relationships between items of both our backlogs. Here is an example of how an activity can be managed and organized (extension: Work Item Visualize):

As you can see, the Ops items are Successor of the “development” Product backlog items. Indeed, the Ops Items will be finished after the PBI, typically. Think about creating s DNS or a network path to let the production app work in production.

Conclusions

With this solution, we’re decoupling backlogs. Moreover, we’re isolating the management maintaining the relationships between work items that reside on different boards. At the same time, we’re making a strong synergy between Development and Operations.Then, in a couple of clicks, we can switch teams and backlogs, using Azure DevOps Boards. We can track changes in both the departments, also for audit requirements. In my opinion, this helps the enterprise awareness and facilitates the continuous improvement of all the teams and any member’s skill.