Agile@School 2022 – Episodio 2

Articolo di Pier-Paolo Mammi, il docente che da anni segue le lezioni con i ragazzi.

Finiva due settimane fa il secondo sprint del progetto che coinvolge la classe 4a dell’IISS Gadda. Mi ritrovo a scrivere il post con colpevole ritardo, anche se in realtà un (buon) motivo c’è e ne parlerò in seguito.

I progressi

Vediamo innanzitutto i progressi dei ragazzi. Premettiamo subito che per alcuni team all’inizio dello sprint è ancora risultato difficile entrare nell’ottica di integrare le fasi dello sviluppo con il tracciamento delle proprie attività su Azure DevOps. Insistendo però sui concetti e grazie al supporto del professore siamo riusciti a recuperare la situazione e alla fine tutte le board erano correttamente popolate.

Contemporaneamente, in queste tre settimane abbiamo affrontato svariati argomenti che, pur non influendo direttamente sul mero sviluppo, dovrebbero comunque essere apprese per poter essere efficaci in un contesto aziendale.

Dato che i ragazzi avevano già utilizzato le funzioni basilari di Git, ci siamo quindi concentrati sugli aspetti più avanzati, come il branching e i “flow“, evidenziando in particolar modo come (e perché) noi stessi lo utilizziamo in azienda.

Un altro argomento “scottante” è stato quello dello unit testing, che abbiamo dovuto approfondire in una giornata aggiuntiva, anche qui portando esempi concreti.

Le domande

Al di là di tutto questo, devo ammettere di essere rimasto molto colpito dalla curiosità dei ragazzi nei confronti della “vita da ufficio”. Alcuni di loro hanno infatti posto domande che non mi sarei aspettato, per esempio: “cosa succede se non riesco a rispettare le scadenze del progetto?” oppure: “se sono rimasto indietro con gli sviluppi, è permesso portarsi a casa il lavoro per continuarlo?”, o ancora: “come faccio a capire a chi devo scrivere, se ho bisogno di chiedere qualcosa su quello che sto facendo?”. Le prime domande scaturiscono evidentemente dall’ambiente scolastico, che prevede scadenze ben definite (beh, dovrebbe essere così anche sul lavoro 😅) e che “non ha orari” visto che i ragazzi devono studiare in continuazione! Ma l’ultima di queste domande ha attirato la mia attenzione, perché il problema è reale e si presenta in molti ambienti lavorativi. Questa è stata una buona occasione per parlare nuovamente di come affrontiamo concretamente certe questioni applicando la filosofia DevOps.

Il cerchio che si chiude

Nel terzo e ultimo sprint abbiamo deciso di saltare un paio di lezioni per lasciare un po’ di respiro ai ragazzi: in queste settimane saranno infatti messi a dura prova perché non solo avranno diversi esami e dovranno studiare parecchio, ma soprattutto li aspetta anche il periodo di alternanza scuola-lavoro in cui potranno mettere a frutto quanto imparato finora.

E qui arriva il motivo del ritardo nel post: due dei ragazzi della classe verranno infatti a svolgere l’alternanza proprio nella nostra azienda! Volevo quindi verificare come si sarebbero integrati da noi e devo dire che finora si sono comportati molto bene, anche se per ora ammettono di preferire andare a scuola invece che in ufficio 😄

Chiudiamo con un’altra bella notizia dell’ultimo minuto: la scorsa settimana abbiamo assunto ufficialmente una ragazza della classe che aveva partecipato all’Agile@School 2020, che nel frattempo si è diplomata. Una bella soddisfazione per tutti e un’ulteriore conferma della bontà del format!

Ci risentiamo presto per il post di chiusura del progetto, dopo la giornata finale in cui i ragazzi ci presenteranno i propri risultati.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s