Agile@School – Giornata conclusiva

Ultimo appuntamento di Agile@School 2021. Per questa occasione ci racconta l’incontro Alex, una new entry che qualche anno fa prese parte a questa iniziativa proprio come i ragazzi. Siamo finalmente arrivati all’appuntamento che pone sotto i riflettori l’impegno e la dedizione dei ragazzi ovvero i progetti ultimati.

L’idea di fondo proposta era quella di avere una presentazione composta da una panoramica del progetto a 360 gradi partendo quindi dalla descrizione di quest’ultimo per poi procedere con pregi, difetti, punti di forza, difficoltà incontrate e motivi accattivanti per spronare un possibile giocatore ad acquistare il prodotto per poi concludere con la presa visione del progetto e la conseguente prova dello stesso da parte di noi supervisori momentaneamente nei panni di “gamer”.

Presentazione dei progetti

Una volta superata la tensione generale il Team Cromosomi# ha preso l’iniziativa e, anche se non al completo causa assenze, è riuscito a presentare un progetto interessante caratterizzato da un gameplay che assume dinamicità grazie anche al cambio di musica in base alle scelte fatte dal giocatore.
Il gioco è stato presentato su console application e salvo qualche inserimento di dato non previsto non presentava problemi che ostacolassero la giocabilità. Un paio di consigli proposti per migliorare il tutto sono stati l’inserimento di un valore per indicare la vita del giocatore e l’inserimento di immagini che seguono il cambiamento musicale per incrementare il coinvolgimento in game.

A seguire ha preso parola il Team Fisher, team in questo caso al completo.
Presentazione ben organizzata che ha principalmente fatto focus sulle molte tecnologie utilizzate caratterizzata anche da un video realizzato su misura per l’occasione. Ben strutturata anche la storia narrativa che sta dietro al progetto. In questo caso il gioco è stato lanciato direttamente con il proprio eseguibile ed è stato provato dal sottoscritto, che non ha perso tempo per una citazione di alto calibro (infatti ho inserito subito come nome del protagonista della mia partita Rohan Kishibe… ed ho detto tutto). Gameplay con una profonda trama che fa quasi pensare ad un libro-game e che da luogo a una moltitudine di finali raggiungibili variando le scelte del nostro personaggio giocando più volte. Un problema relativo al cambio di musica durante il gioco non ha comunque influito sulla giocabilità in generale.

È stato poi il momento del Team MonkeTeck anche loro al completo.
Idea molto promettente per il progetto di questo team che grazie alla loro presentazione molto ben organizzata hanno centrato l’obbiettivo di dare informazioni che spieghino il processo creativo ma allo stesso tempo attirino il giocatore spiegando il Perché e il Come ponendo anche l’attenzione sul fattore curiosità. Gameplay che si distingue come tema dagli altri avendo come protagonista una nave a scelta che può compiere diverse azioni che possono portare anche alla distruzione della stessa se si azzerano i punti salute. Nota di merito va proprio a quest’ultimo punto, ovvero la vita o salute che finalmente vediamo implementata in uno dei progetti, l’unico fino ad ora. Molto accattivante anche la differenziazione delle statistiche in base alla nave scelta. In questo caso i consigli dati per possibili feature sono stati l’inserimento di immagini o suoni che rendano più coinvolgente la battaglia tra due navi.

Ultimo ma non per importanza è il Team GentsAndLady.py purtroppo in carenza di componenti ma carico abbastanza da sopperire alla mancanza. Presentazione abbastanza esaustiva, anche nel loro caso sarebbe stato ottimo avere una parte dedicata al Perché del gioco ma hanno compensato questa mancanza parlandone direttamente a voce, almeno per far capire a noi l’intenzione che c’era dietro. Anche in questo caso troviamo un gioco in console application preso di mira stavolta da Pier-Paolo, ormai diventato game-tester della giornata che non si è fatto sfuggire l’occasione di mettere qualche dato per far “scoppiare” tutto. Tralasciando piccoli problemi non gestiti nel complesso il gioco segue quanto promesso, quindi la storia di Napoleone in parte romanzata ma che segue un filo logico che permette lo studio giocando più volte.

Fine della corsa

Arrivati a questo punto devo ammettere che siamo stati molto sorpresi e soddisfatti dei ragazzi in quanto nonostante difficoltà, membri mancanti e tester improvvisati rompi scatole sono tutti riusciti a portare a termine un prodotto che, anche se imperfetto, risulta comunque completo.
Anche personalmente sono rimasto particolarmente stupito nel vedere i lavori realizzati dai ragazzi in quanto anche io, giusto qualche anno fa, ero al loro posto e, come loro, avevo realizzato il mio personale progetto con Engage. La differenza che ho notato maggiormente è stata la dedizione riposta in questi lavori. Quando frequentavo la scuola, non c’era questo livello nei progetti ed erano quasi tutti realizzati giusto perché “andavano fatti”. Nel mio caso il gruppo di lavoro era costituito da me :-). La voglia di fare che avevo non era particolarmente condivisa, di conseguenza, seppure non sia stato un progetto rivoluzionario, la mia “chat bella che funzionante tra smartphone e pc” l’avevo portata a termine (soddisfazione alle stelle).
Sono convinto che avvicinandosi sempre di più alle loro passioni si avrà un consenso sempre maggiore a questa iniziativa e una conseguente qualità dei progetti in continuo aumento.

Spero vivamente di poter partecipare nuovamente in futuro proprio per assistere di persona a questa evoluzione e per inserire qua e là qualche citazione di alta classe… Yare yare daze.

Events: DevOpsHeroes 2017 and SQL Saturday Parma 2017

It’s September, a month whose the start is the beginning of many things, especially in Italy. Kids start over the schools, Companies invest, and what about projects and events?

You know, I really love to do both. But in this post I’d let you know how I feel proud about my work in the past four years. Thanks to the help of my employees and co-ops, I did organise four SQL Saturdays in Parma (2014/355, 2015/462 and 2016/566), making our small town a big SQL Server City. Who would’ve thought it? Yes, maybe in my mind, there was something that pushed me to try, but it could have an epic fail. However, I did it, and it was an astonishing set of records. It started as a quest in an Role Play game, and now we’re in front of this great SQL Saturday. Something to be really proud of.

Two years ago, I felt the need to add a new event, which would have to support a new way of thinking about the IT roles that I was aware of. And that was when DevOps came out. A new buzzword that needed to get a deep explanation, in terms of culture and approach. Combining my passion to The Simpsons series (especially considering Homer Simpson) and DevOps stuff, I’ve made up DevOpsHeroes, whose acronym is DOH, the Homer’s exclamation. And now, for the second year, Developers, IT Operations people, DBAs and PMOs will share their experience about how to integrate, cooperate and make IT world more productive. Another event, another thing to be proud of.

DOH_logo

After the introduction, let me give you some important details about these events, sorted by upcoming date:

DevOpsHeroes 2017 – Parma (http://www.devops-heroes.net/)

Sql Saturday 2017 – Parma (http://www.sqlsaturday.com/675)

  • Date and Location: Saturday, 18th November @ Univeristy of Parma
  • Hashtag: #SQLSAT675
  • Entrance fee: free (lunch included)
  • Duration: from 8am (registrations until 9am) to 6.30pm
  • Registration link: https://www.sqlsaturday.com/675/registernow.aspx
  • At the registration desk:
    • you will use the SpeedPASS
    • you will receive the lunch ticket
    • you will receive the welcome kit
  • session languages: ITA/ENG

However, this year I’d to thank my helpers at Engage IT Services Srl,  the great support of Upgrade Srl (Andrea, Federica and Riccardo, that organised with us the DOH event), HPE and also many communities, like DotDotNet.org and mostly our great community GetLatestVersion.it. A special thanks goes to Windowserver.it, which will record sessions, live streaming and interviews. Speaking about SQLSaturday, the sponsor page depicts how the event is supported. A big thank goes to all of them!

What the future will reserve to us in Parma? I think that I could try to add another event, maybe on IoT topics, because I feel that the world will change following that direction and also, hopefully, my newborn Giulio will play with my and some robot 🙂

Alternatives could be changing the format, like with a TED event or something like it. Who knows? I’m pretty sure that I’ll get a lot of help from now on. This year has been a demonstration of it. I started alone, and now we work in five. The last thing to be proud of. Wonderful!